Rossella Boriosi

Capita che le persone mi raccontino storie. Donne, perlopiù, che a un certo punto delle loro vite sono state costrette a reinventarsi. Le loro sono storie intense, belle, di persone con tanto da dire e molto da fare e che non si riconoscono nella rappresentazione che di loro danno i media, indecisi tra Sora Lella e Belén. [mediakit]

Capelli sani: curarli sempre e fare attenzione al taglio

Inutile farsi illusioni: superata una certa età il corpo di una donna cambia e cambiano anche i capelli. Colpa delle variazioni ormonali se siete state lisce per tutta una vita e improvvisamente vi ritrovate con la chioma insolitamente riccia o con le onde frisè. Con lo sconquasso ormonale da menopausa – ma anche prima, anche molto prima, diciamo dai 35 anni in poi – possono verificarsi dei cambiamenti evidenti: non solo l’ingrigimento da progressiva riduzione di melanina ma anche assottigliamento, fragilità e caduta. Ecco perché, anche se abbiamo passato tutta la vita incuranti dell’aspetto delle nostre chiome, viene il momento di fare attenzione al taglio e di curare la capigliatura in maniera più sistematica. Parlo ovviamente per me.
A ogni modo:

Quali sono i segreti per avere capelli in forma in età adulta?

Anche se non si hanno grosse velleità e ci si accontenta di un aspetto mediamente curato, con l’età la manutenzione ordinaria di corpo e capelli aumenta in maniera esponenziale. È un grosso classico, superare gli anta e sentirsi proporre un taglio corto: “Più facile da domare, e più giovanile” dice la mia amica Roberta, grande estimatrice del caschetto che non supera le orecchie. Ma per lei è facile parlare: è bellissima!

Meglio dunque cominciare dalle basi, dalla cure: è fortemente consigliato alternare tutte le settimane l’uso del balsamo con l’applicazione di una maschera per rinforzare i capelli (quella di Bioscalin ad esempio è a base di Biogenina, una formula che avrà un effetto benefico sul fusto del capello). La maschera è uno di quei prodotti essenziali che ognuno dovrebbe tenere sulla mensola del bagno per regalare ai capelli più forza rendendoli brillanti e facili da pettinare (e questo è grande aiuto se, come me, ci si ostina a tenerli lunghi). Inoltre, anche se si è affezionate al lavaggio quotidiano è  meglio evitare per non stressarli e utilizzare detergenti certificati e mai aggressivi.

Quali tagli dovreste evitare?

Delia, la mia parrucchiera, da tempo tenta di convincermi a provare un taglio corto e sfilato. “I tagli corti sono perfetti per le donne adulte, perché danno un tocco giovanile ma sobrio e valorizzano il viso” dice.

Io non sono adulta, sono proprio matura, ma preferisco essere matura che giovanile.

Coi capelli lunghi il viso sembra più vecchio, i capelli stessi mostrano tutti i segni del loro invecchiamento come opacità e scarsa compattezza” insiste lei. Secondo Delia, insomma, superata una certa età (ma quale?) alcuni tagli andrebbero evitati: il pixie cut extra-volume, ad esempio, che, pur essendo corto, poco si addice ad una donna molto adulta. Anche i capelli rasati secondo lei sono una pessima idea: coraggiosa,  di stile, ma comunque pessima per una donna di una certa età. Persino i tagli extra-long e lisci sono da mettere in pensione: accentuano la caduta del viso e dei suoi lineamenti. Altri tagli da evitare a tutti i costi secondo Delia sono i caschetti con frangetta lunga, i carré voluminosi, il pixie liscio, i boccoli.

Insomma: ho una parrucchiera difficile da accontentare!

Una donna, quando supera gli “anta”, deve capire che il segreto sta nella sobrietà e nella delicatezza: una doppia regola che vale sia per la cura dei capelli, sia per i tagli” chiosa saputella.
Io risolvo legandoli in una perenne coda di cavallo: almeno Delia non mi sgrida!

(foto di George Bohunicky)

Share this Story
loading...