Rossella Boriosi

Capita che le persone mi raccontino storie. Donne, perlopiù, che a un certo punto delle loro vite sono state costrette a reinventarsi. Le loro sono storie intense, belle, di persone con tanto da dire e molto da fare e che non si riconoscono nella rappresentazione che di loro danno i media, indecisi tra Sora Lella e Belén. [mediakit]

L’amore bambino

Il mio amore più grande sapeva capirmi senza bisogno di parole, lo osservavo molto nel tentativo di scoprire il segreto di tanta maschia perfezione e lui osservava me. Ogni tanto mi accarezzava i capelli sussurrando “che sei bella“. Non lo diceva soltanto: lo intendeva, persino.

amore-bambino

Il mio amore più grande l’ho perso quando cambiai città e mi trovai a frequentare la terza elementare in una scuola in cui i maschi non dicevano cheseibbella alle ragazze, ma alzavano loro la gonna e gli davano delle gran botte in testa con i libri di scuola legati da una cinghia elastica. “Fanno così perché gli piaci” provò a spiegare la maestra – erano davvero altre epoche.. – ma io sapevo che se piaci a qualcuno questi ti accarezza i capelli, non te li tira.

I grandi amori non sono necessariamente amori dei grandi e anche se nei miei anni da adulta ne ho vissuti molti altri – passionali, disfunzionali, maturi – tra quelli davvero importanti non dimentico l’amore bambino fatto di silenzi, sentimenti e corse nel cortile della scuola.
Gli amori infantili hanno una loro forza, non subiscono le lacerazioni di certe discussioni estenuanti, non richiedono di essere spiegati, raccontati, esibiti, messi alla prova. Vivono dentro un confortate senso di appartenenza, si alimentano di attenzioni reciproche, le stesse che si ritrovano in certi amori senili sopravvissuti alle turbolenze dell’età adulta. Meritano rispetto.

“Davide e Giada sono bellissimi” ha scritto mio figlio in stampatello nel cortile. È vero, lo sono. “Con lei mi diverto anche se rimaniamo solo a parlare” ha dichiarato poi. Davide e Giada, sedici anni in due. Non è un amore da grandi, ma davvero un grande amore.

(foto da Flickr in licenza cc)

Share this Story

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>