Rossella Boriosi

Capita che le persone mi raccontino storie. Donne, perlopiù, che a un certo punto delle loro vite sono state costrette a reinventarsi. Le loro sono storie intense, belle, di persone con tanto da dire e molto da fare e che non si riconoscono nella rappresentazione che di loro danno i media, indecisi tra Sora Lella e Belén. [mediakit]

LionsHome: riscoprire il piacere di stare in casa

(Quindi Marlena torna a casa ché il freddo ormai si fa sentire..)
Per indicare la sensazione di tepore e comfort che si prova certi giorni in cui, piuttosto che uscire, si preferisce rimanere a casa, il dialetto contadino umbro usa un termine antico e bellissimo: accuvilarsi.

Accuvilare – o “mettere a covile” – indica la predisposizione di un luogo riparato dove tenere al caldo gli animali e proteggerli dalle intemperie invernali. Per traslato l’azione sta a significare il godere, attraverso l’arredamento e la giusta atmosfera, di un ambiente domestico intimo e accogliente in cui trovare riparo dalle turbolenze e sentirsi accolti, tirare fiato, rilassarsi.

I popoli nordeuropei, da sempre esperti in materia di accuvilamento, hanno portato la capacità di fronteggiare le lunghe notti e le fredde giornate invernali a un livello tale di raffinatezza che persino noi, popoli mediterranei, sospiriamo davanti alle loro abitazioni dalle atmosfere calde e ricche di suggestioni.

Attraverso una sapiente armonia di arredi chiari, tonalità calde, luci diffuse e candele profumate, i paesi al di sopra dell’arco alpino sanno creare ambienti così confortevoli e conviviali da suggerire a chi vi entra di mettersi a proprio agio, magari togliendosi le scarpe per raggomitolarsi davanti al camino con una tisana speziata tra le mani.

Come molte lingue del nord Europa anche la lingua tedesca dispone di un termine adeguato per definire questa sensazione di benessere e appagamento: Gemütlichkeit, il cui significato si avvicina al più famoso “hygge” danese e come questo esprime, oltre una sensazione di benessere, un profondo senso di appartenenza a un luogo nonché la sensazione di intimità e calore che un ambiente accogliente sa trasmettere.
I tedeschi però – gente pratica -, oltre che dare un nome a questa sensazione hanno fatto un ulteriore passo avanti e realizzato un motore di ricerca attraverso il quale creare, attraverso i giusti accessori e complementi d’arredo, quel mix di tradizione e innovazione che consente a un’abitazione di essere allo stesso tempo funzionale e molto, molto accogliente. Il motore di ricerca si chiama LionsHome ed è quanto di più esaustivo la rete possa offrirvi in materia di mobili, accessori e complementi di arredo.

Navigando tra le sue sezioni ho individuato alcuni elementi che ci consentiranno di replicare quella sensazione di Gemütlichkeit delle abitazioni del grande Nord, e cioè:

Arredi tessili. Lasciare una coperta morbida mollemente adagiata su un divano fa la differenza tra un divano su cui sedersi e un divano su cui raggomitolarsi.

L’angolo lettura. Bastano una poltrona, una libreria e la coperta morbida di cui sopra. Una casa con un angolo lettura diventa accogliente di default, una casa con una bella libreria non ha bisogno di molto altro.

Una foto, o molte. Una casa accogliente è una casa con personalità e niente è più personale di una foto. Che siano sistemate in maniera ordinata alla parete o raccolte alla rinfusa, le foto ci ricordano che abbiamo vissuto momenti felici; per questo è bene che siano valorizzate dalla giusta cornice

Anziché un solo punto luce a illuminare la stanza, tanti punti luce. E la casa si riempe di calore e profondità.

Ancora: forse non abbiamo un camino, ma possiamo certamente avere una candela. Quelle aromatizzate alla vaniglia sono le mie preferite ma in inverno mi piace esagerare con le essenze: agrumi, mela, cannella e ambra, possibilmente tutte insieme. La stagione delle feste è contraria alla sobrietà!

Una credenza piena di cioccolata forse non arreda, ma certamente aiuta. Il freddo è un buon alibi per arrendersi al comfort food senza sentirsi in colpa.

Infine, se proprio dobbiamo stare in casa, tanto vale sperimentare: se amiamo gli arredi lineari e minimalisti, l’inverno è la stagione giusta per cambiare e scoprirci massimalisti.

A ogni modo: se anche voi, come me, volete predisporre la casa allo spirito invernale e immergervi nella Gemütlichkeit date un’occhiata alle proposte del motore di ricerca LionsHome. Non vi sentite già più… accuvilati?

Share this Story
loading...