Rossella Boriosi

Capita che le persone mi raccontino storie. Donne, perlopiù, che a un certo punto delle loro vite sono state costrette a reinventarsi. Le loro sono storie intense, belle, di persone con tanto da dire e molto da fare e che non si riconoscono nella rappresentazione che di loro danno i media, indecisi tra Sora Lella e Belén. [mediakit]

#MissioneCorpoPositivo: meglio felice che perfetto

“Mi trovi ingrassata?”
“Sì”
Mia madre – quella che da bambina mi riempiva di integratori e per la quale ero sempre troppo magra – adesso pensa che dovrei dimagrire.
Peggio per lei, perché io adesso sono entrata in modalità #MissioneCorpoPositivo: pazienza se non sono più snella come quando ero ragazza, allora non mi vedevo mai magra a sufficienza e mi struggevo nell’insoddisfazione.
Ora invece il mio corpo mi piace, ci ho fatto pace.
È stato un corpo forte il mio, ha sopportato amori e disamori, gravidanze, traslochi, lavori. È stato capace di partorire ed allattare, ha preso e perso taglie, ha sollevato pesi, indossato abiti meravigliosi e tute di flanella, ne ha viste tante e ho imparato a volergli bene. È venuto il momento che sia io a prendermi cura di lui.

nestlé9
E siccome la sincronicità esiste, non appena ho dato forma compiuta a questi pensieri ho scoperto la campagna #MissioneCorpoPositivo che mi ha segnalato Nestlé Fitness, riconoscendomi completamente nella filosofia che invita a smettere di osservare i difetti del nostro corpo per esaltarne le qualità così che lo sguardo benevolo e l’energia positiva che ne deriva ci guidino spontaneamente verso uno stile di vita sano.

La campagna #MissioneCorpoPositivo è, di fatto, espressione di una disciplina di vita che avevo già iniziato a seguire.

Per cominciare ho eliminato le diete. Ho capito che un giorno mi sarei pentita di tutto il cibo buono rifiutato per guadagnare mezza taglia, dunque basta privazioni. Ho deciso invece di mangiare bene ché – come dice la mia guru – “al tuo motore devi dare la benzina giusta”. Fitness Nestlé aiuta nell’intento suggerendo ricette veloci e salutari che declino a mio piacere utilizzando l’olio delle colline del Trasimeno e il cibo di stagione a chilometri zero della campagna vicina.

Ancora, il movimento. Prima c’era sempre un’urgenza, un impegno, un improrogabile “benaltro” a riempire i momenti che avrei voluto lasciare a me stessa. Adesso basta: mi sono imposta di dedicare mezz’ora al giorno all’allenamento attraverso i canali youtube delle fitness guru e seguo i suggerimenti che trovo nella pagina Nestlé dedicata al fitness: i migliori trainer gratis e il miglior work-out gratis, a portata di click.

nestlé0

Infine, la positività. Nel sito Nestlè si trovano suggerimenti per riuscire a esprimerla nelle situazioni quotidiane – ad esempio attraverso una gestualità in grado di trasmettere empatia, sicurezza e assertività – ma ho voluto spingermi oltre.
Essere positivi significa anche riconoscersi il diritto di fare qualcosa di illogico per il solo fatto che ci fa stare bene. io, lo confesso, ho deciso di riprendere in mano i libri del liceo e ristudiarli, nella convinzione che a quindici anni non si abbia ancora l’esperienza di vita necessaria per capirli appieno.
Così, alla mia età, mi ritrovo a leggere i libri di letteratura greca e latina che avevo odiato trent’anni prima – e con gran gusto, peraltro. Perché la #MissioneCorpoPositivo non può prescindere da una mens altrettanto felice.

Buzzoole

Share this Story
loading...