Rossella Boriosi

Capita che le persone mi raccontino storie. Donne, perlopiù, che a un certo punto delle loro vite sono state costrette a reinventarsi. Le loro sono storie intense, belle, di persone con tanto da dire e molto da fare e che non si riconoscono nella rappresentazione che di loro danno i media, indecisi tra Sora Lella e Belén. [mediakit]

My menopausa, ovvero: il calo di estrogeni visto da Laura Vaioli

My menopausa, ovvero: il calo di estrogeni visto da Laura Vaioli
Laura Vaioli è una ragazza da tanto tempo, adesso ha i capelli biondo platino perché ormai è la direttrice dall'animo rock di una scuola prestigiosa e non può più cambiare colore ogni settimana, non ne ha il tempo. Laura è…

Continue Reading

Share this Story

Cos’era bello

Cos’era bello
«Mi manca andare a mangiare la pizza a vent'anni con quelle tavolate infinite, la confusione, la casa del popolo, la pizza un po' bruciacchiata, senza pensieri in testa. L'inciucio in corso, gli amici, la chitarra, chi ride, chi ha paura…

Continue Reading

Share this Story

“Anche se hai cinquant’anni”

“Anche se hai cinquant’anni”
«Cara Rossella, vorrei che il tuo articolo raccontasse cosa significa essere donna a cinquant'anni. Mi piacerebbe uscisse fuori il tuo punto di vista di donna che lavora, ha una famiglia e che di sicuro ha ancora qualche sogno o desiderio…

Continue Reading

Share this Story

L’ambra baltica di Isabella Sawicka (bellissima, bellissima)

L’ambra baltica di Isabella Sawicka (bellissima, bellissima)
Temo le donne polacche, a partire da mia suocera. Perché sono forti, coraggiose, assertive e incredibilmente belle: hanno una grazia naturale che non trovo da nessun'altra parte. Per fortuna. A ogni modo, quando ho letto Isabella scrivere su facebook "Anziché…

Continue Reading

Share this Story

Pensare ricco, pensare povero

Pensare ricco, pensare povero
Il mio amico dice che il motivo per cui non ho mai denaro a sufficienza è perché ragiono da povera. I fatti sembrano dargli ragione. «Vedi» - spiega saputello «Hai preso la multa perché hai scelto un hotel economico, ma senza parcheggio.…

Continue Reading

Share this Story

“Mai più così vicina” di Claudia Serrano

“Mai più così vicina” di Claudia Serrano
Miss Lagna incontra il Milanese Abbrutito - ma cosa dico, abbrutito: orrendo, egotico, mostrificato. Finirà malissimo. D'altronde, cosa ci si può aspettare da un uomo che sa declinare minuziosamente i rituali con cui sfogare fisime e affettazioni ma incapace di dar voce…

Continue Reading

Share this Story

La Sidora, pornostar di provincia

La Sidora, pornostar di provincia
Fine anni Sessanta. Manca ancora qualche anno prima che Edwige Fenech porti il nudo integrale sul grande schermo, ma Aïché Nana ha già inaugurato la Dolce vita e i pruriti di un'intera generazione sono pronti a deflagrare. Lo scenario dove…

Continue Reading

Share this Story

La mamma ventenne

La mamma ventenne
Una di loro è senz'altro la madre, solo non capisco chi: se la ragazza col bikini giallo e i capelli rasati o la sua amica con i ricci castani. La bambina non deve avere più di tre anni,  sta in…

Continue Reading

Share this Story

“Un luogo a cui tornare” di Fioly Bocca

“Un luogo a cui tornare” di Fioly Bocca
L'indice del gradimento di un libro è dato dalla voglia di riprenderne la lettura mentre sei impegnata a fare altro. "Un luogo a cui tornare" è un romanzo che ho letto svogliatamente nelle prime pagine, ma che poi ho stentato…

Continue Reading

Share this Story