Rossella Boriosi

Capita che le persone mi raccontino storie. Donne, perlopiù, che a un certo punto delle loro vite sono state costrette a reinventarsi. Le loro sono storie intense, belle, di persone con tanto da dire e molto da fare e che non si riconoscono nella rappresentazione che di loro danno i media, indecisi tra Sora Lella e Belén. [mediakit]

Ricostruzione, fase 2: il viso

face-gym-wikihow

«Pronto, Simona? Devi farmi un video in cui si vedano i tuoi esercizi»
«Non ho capito: devo registrare una lezione intera?»
«No. È sufficiente che mostri quello che fai tu come routine, dopo esserti lavata la faccia la mattina. Il movimento che proprio non può mancare per tonificare il viso»
Detto, fatto:

Si dice che siano necessari 21 giorni perché un’azione ripetuta si trasformi in un’abitudine. Quella che desidero creare per stessa è una cosa semplice:  cinque, sei minuti da dedicare allo stiracchiamento dei muscoli di viso e collo, la mattina. La pelle ringiovanisce e i muscoli sottostanti ritrovano turgore.

La ginnastica facciale è sottovalutata. Nel viso si trovano 57 muscoli e tutti possono essere tonificati allo stesso modo con cui si rimodella il corpo grazie all’allenamento costante. Parlare, sorridere, corrucciarsi non valgono come esercizio, così come il movimento che si compie quotidianamente non equivale a una sessione di work-out.

Digitando “face gym“, “face lift” o anche “face yoga” come termini di ricerca su youtube, si apre un mondo. Ho estrapolato alcuni video esaustivi – ma inquietanti – tra quelli in lingua inglese. Non per per esterofilia, ma perché presentano una maggiore varietà di esercizi. Tra i più terrificanti ci sono quelli di Asha Bachanni e Danielle Collins, quest’ultima esperta di face-yoga, scegliendo questa sequenza per i miei cinque minuti mattutini:

(confesso di eseguire questa serie solo se so di essere completamente sola). Al termine degli esercizi ci si ritrova con la sensazione singolare di sentire i muscoli di viso e collo indolenziti e la mandibola che vive di vita propria.

Ci sono poi degli upgrade che non ho inserito nella routine, ma che voglio segnalare comunque. Gli esercizi di Fumiko Takatsu, ad esempio, che trovate nel suo canale Face Yoga Method (alcuni commentatori ritengono si tratti in realtà di un rito diabolico. Come dargli torto)

Ho fatto l’errore di iscrivermi alla mailing list e ora mi sveglio la mattina con messaggi che riempiono di ansia

facegym_1

Le signore dei video trovati in rete non dimostrano un anno di meno della loro età anagrafica, però hanno un aspetto sano e tonico. Per me è sufficiente.

Ho poi trovato illuminate questa pagina di Christa Gugler, con un estratto del suo libro “L’allenamento dei muscoli del viso – Lo straordinario lifting naturale” che contiene due suggerimenti che ho colto al volo:

– la preferenza da dare all’olio di argan rispetto le creme tradizionali (ho acquistato questo a metà prezzo su Amazon)
– i bagni al bicarbonato, lunghissimi (Christa suggerisce almeno tre ore, cioè un tempo infinito che non ho ancora trovato. Ma prima o poi..)

Infine, l’automassaggio. Tra i video trovati in rete – dove ragazze diciottenni spiegano come si sono sbarazzate delle rughe grazie al massaggio del viso – il mio preferito è questo:

La signora non ha un aspetto giovane e tonico, e questo basterebbe per passare oltre, ma il massaggio linfatico del tutorial è incredibilmente rilassante e se eseguito la sera garantisce un addormentamento rapido. Sempre meglio del bicchierino d’amaro con cui sono solita stordirmi, comunque (e il mattino dopo sono anche meno gonfia)

(immagine tratta da WikiHow)

Share this Story
loading...